Previste circa 458mila nuove assunzioni, ma é allarme ricerca

Nel primo mese del 2022, sono previsti circa 458mila nuovi contratti di lavoro programmati dalle imprese, che saliranno a 1,2 milioni entro marzo con un incremento notevole, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Risulta anche positivo il confronto con il mese di dicembre, dove sono state totalizzate 104mila assunzioni in più (+29,4%), per tutti i settori economici tranne che per il turismo dove impatta in maniera importante l’incertezza legata all’andamento della pandemia. A delineare questa indagine è il Bollettino realizzato da Unioncamere e Anpal

Il nostro punto di vista: da un lato sono buoni questi segnali, dall’altro si denotano ormai da tempo enormi difficoltà da parte degli imprenditori a reperire risorse specializzate. In alternativa e quindi in assenza di esse, si preferisce assumere un soggetto con competenze similari, per poi formarlo adeguatamente. Un problema non da poco, che dovrà essere affrontato a tutti i livelli entro pochissimo tempo.